domenica 8 luglio 2018

L'Italia che vorrei...

L'Italia che vorrei...
-Stamattina mi sono scontrato, verbalmente, con certi personaggi che sono il cancro di questo Paese. Esiste un'Italia che lavora, si dispera, pensa, guarda al futuro. Ne esiste un'altra - purtroppo - composta da Zecche e piccoli e grandi Parassiti. Quando, a questi ultimi, si domanda il senso della loro squallida esistenza, vanno in paranoia. Eccoli, allora, pronti a ribadire il Politicamente corretto e una educazione dietro cui trincerarsi.
La povera gente, gli onesti, i probi, sanno bene che avranno bisogno di questi parassiti; rintanati nei milioni di Uffici che lo Stato fa sorgere ovunque per riempirli di nuove e più feroci Zecche.
Solo che, ci sono momenti della Storia, dove balena una speranza.
Anche quella di non dover alimentare questa Pletora di infami giannizzeri con stipendi da sceicchi.
Quello che stiamo vivendo è uno dei quei momenti della Storia.
Prima che passi un altro treno ci vorrà molto tempo.
Vediamo di essere pronti a salire su questo.
G.R.